Di miele in miele

Non categorizzato

Di miele in miele

18 luglio S. Materno vescovo

Nella nostra zona si produce molto miele: castagno, acacia, millefiori ecc.Quello di cui oggi vi parlo è quello di lavanda. Di colore quasi bianco e di sapore molto delicato, il suo aroma ricorda solo leggermente il profumo dei fiori da cui deriva. Non è facile trovare il miele di lavanda perché servono grandi distese di coltivazioni di lavanda per ottenere questo particolare miele.

Mentre il tradizionale miele  di lavanda (Lavandula angustifoglia e latifoglia) è principalmente prodotto in Spagna e Francia dove sono presenti campi molto grandi di lavanda in fioritura da giugno a settembre, in Italia  è presente nelle zone delle Alpi Marittime, a confine tra Francia, Piemonte e Liguria, dalla fioritura della quale si produce il miele di lavanda delle Alpi Marittime.

E’ ricco di vitamina C, di vitamine del gruppo B e di sali minerali tipo ferro e potassio. Il miele di lavanda prende le sue proprietà dalla pianta di lavanda e quindi risulta ottimo come calmante del sistema nervoso: placa la tensione sia a livello fisico che psichico ed emotivo perché capace di distendere e rilassare.

Utilizzato anche per calmare il mal di testa provocato da tensioni o da stress che viene accumulato durante la giornata, è ottimo in caso di vertigini, per l’ansia e per l’insonnia, per lenire le infiammazioni del’apparato respiratorio, per calmare la tosse e aiutare le corde vocali.

Viene anche consigliato come analgesico, antireumatico e per l’apparato gastrointestinale è un antispasmodico con azione digestiva.

Il miele di lavanda ha anche proprietà antisettiche e battericide date dalla presenza di oli essenziali ed è quindi utilizzato come cicatrizzante e disinfettante.

Un vero e proprio toccasana.

Un bacio dalla vostra Serena