Fin che la barca va…..

Curiosità

Fin che la barca va…..

27 giugno S. Arialdo diacono martire

Scrivo oggi dell’usanza della barca di San Pietro, così avete tutto il tempo per preparare quello che vi occorre. Il procedimento da fare è il seguente: la sera del 28 giugno si riempie un contenitore di vetro ampio e largo di acqua, all’interno si fa colare una chiara d’uovo e si mette a riposare per tutta la notte all’aperto o su un davanzale al chiaro di luna lasciando che la soluzione di acqua e uovo prenda anche la prima rugiada del mattino. Secondo la tradizione, la notte saranno i santi Pietro e Paolo a compiere la magia, in particolare sarà l’apostolo Pietro (che ricordiamo essere un pescatore) che alla vigilia della sua festa dimostra la sua vicinanza ai fedeli soffiando all’interno del contenitore e facendo così apparire la sua barca.La mattina dopo il risultato va interpretato. L’albume, infatti, forma dei filamenti e si posiziona in modo da sembrare una barca di forma variabile e con più o meno vele e alberi. Ogni anno, ovviamente, il veliero è differente e le persone sono intente ad interpretare i messaggi mandati da San Pietro. E ancora oggi tante famiglie tramandano la tradizione anche ai bambini e giurano che l’uovo più di una volta ci ha effettivamente “preso”!

Quindi oggi tutti all’Emporio a comprare le uova se non le avete già in casa e poi domani sera anche noi proviamo a fare il nostro veliero. Pubblicate le foto la mattina del 29.

Un bacio dalla vostra Serena